Altri video da Cronaca

Onu, 'disumana' collaborazione Ue-Libia, Bonino: "Meno arrivi, più morti in mare e nei lager libici"

"Stupri, botte, violenze, cibo immangiabile. Gli osservatori dell'Onu registrano condizioni di vita disumane nei cosiddetti centri di detenzione, una vergogna". Emma Bonino parla dei rapporti Onu dai 4 centri visitabili di Tripoli, più altre informazioni che arrivano dal sud della Libia. "Provano quello che tutti sappiamo. Non avevo le traveggole quando denunciavo due mesi fa". La leader storica dei Radicali, già ministra degli Esteri e commissaria Ue non ha dubbi: "Se ne sbarcano meno, molti di più sono tenuti in queste condizioni e molti di più muoiono lager in Libia e in mare". Che fare? "Bisogna aprire dei canali legali per migranti e rifugiati. Molti invece hanno applaudito la politica dei respingimenti per anni". E a molti è piaciuto l'accordo "tappo" - così l'ha definito Bonino - con il presidente libico Serraj del ministro dell'Interno Minniti questa estate. "Non vedo il desiderio del governo di cambiare l'accordo. La Direzione Pd di ieri conferma la linea disumana tenuta finora". I Radicali sostengono "Ero Straniero. L'umanità fa bene", la legge di iniziativa popolare per il superamento della Bossi-Fini.

intervista di Giulia Santerini