Ungheria, bimbo siriano a microfoni Al Jazeera: ''Fermate la guerra e noi non veniamo''

"Stop the war". Fermate la guerra. Sta facendo il giro dei social il breve commento di questo bambino siriano, Kinan Masalmeh, bloccato come molti altri alla stazione di Budapest, Ungheria. Dal caos delle proteste si alza la sua voce: "La polizia non ama i siriani in Serbia, in Macedonia, in Ungheria o in Grecia. Fermate la guerra e verremo in Europa". La Siria ha bisogno di aiuto". Così si rivolge ad un poliziotto ungherese davanti ai microfoni di AL Jazeera. Vi proponiamo il video integrale.