Altri video da Cronaca

in caricamento...

Ragusa, braccianti albanesi vivevano nelle fogne a cielo aperto

Pochi euro l'ora, nessun contratto di lavoro né giorni di riposo, costretti a vivere tra ratti e insetti in abitazioni fatiscenti con fogne a cielo aperto. E' quanto hanno scoperto gli agenti della Squadra mobile di Ragusa e del commissariato di Vittoria che hanno arrestato un imprenditore agricolo albanese per sfruttamento di sei suoi connazionali. Le manette sono scattate ai polsi di Auglent Lalollari, 33 anni, mentre il padre dell'uomo è stato denunciato. L'albanese è indagato anche per furto aggravato di energia elettrica, ricettazione e impiego di operai irregolari sul territorio nazionale. Ieri mattina i poliziotti insieme a personale dell'Inps, dell'Ispettorato territoriale del lavoro, dell'Asp di Ragusa, dello Spresal (Servizio prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro) hanno effettuato un controllo nell'azienda agricola dell'arrestato, trovando diversi operai intenti a lavorare.

in caricamento...

in caricamento...

in caricamento...