Altri video da Cronaca locale

in caricamento...

A Candia in scena le beffe e il rogo della Pierina

Come nei fescennini dell’antica Roma, a Candia la sera del Carnevale si sbeffeggiano senza pietĂ  le autoritĂ  locali pochi minuti prima del rogo della bella Pierina, la maschera tipica del paese. Da 37 anni Sandro Pelizza, la memoria storica della manifestazione folcloristica in costume, deride i cittadini piĂą in vista, fra cui il sindaco Stefano Tonetti, il medico e il parroco. «Come presidente del Comitato della Pierina – spiega Pelizza, che si definisce un “rompiscatole” – ho carta bianca solo per una sera e quindi mi diverto a schernire i nostri notabili». «Pelizza – commenta il sindaco Tonetti – è una colonna della nostra comunitĂ : farsi prendere in giro da lui la sera del martedì grasso è quasi diventato un onore». La leggenda della Pierina è stata al centro della serata del martedì grasso: lei è l’affascinante giovane che nel 1617, nel periodo delle guerre nel Monferrato, fece la spia per i Piemontesi ai danni degli Spagnoli. “I Magatlòn” hanno messo in scena il drammatico processo alla bella Pierina, messa al rogo alle 21.45. La serata si è chiusa con il vin brulĂ© e i dolci di “Candiamo” e Pro loco, e il suggestivo lancio delle lanterne volanti (servizio Umberto De Agostino, video Alex Morandi)

in caricamento...

in caricamento...

in caricamento...